Pesciolini

Se dovesse descrivere la propria vita con una sola parola, sarebbe ‘silenzio’. Non quel silenzio che ti tranquillizza e ti rende sereno, ma quello assordante che accompagna la noia. Quel silenzio, che lo senti anche in mezzo alla gente, perché niente ha più senso, nemmeno i rumori.

Delle sue giornate, Nicola, si ricorda ben poco. Oramai ha perso ogni stimolo, la monotonia lo guida e gli muove le membra, che sono troppo pesanti per muoversi da sole.

Fortuna che ha trovato un passatempo. Delle bollicine salgono repentine in superficie, per scappare dall’acqua, chiusa dentro una scatola di vetro. L’acquario in sé non gli piace, gli piacciono i pesciolini. In verità neanche quelli. Si diverte a lasciar cadere a poco a poco del cibo nell’acqua, i pesciolini lo mangiano e lui ne mette dell’altro. Loro lo mangiano, e lui ancora. Mangiano. Ancora. Finché non muoiono. “Così è l’uomo”, pensa Nicola, con un sorrisetto di scherno in volto, “vuole sempre di più, e più ancora, finché muore di cupidigia.”

Piano piano il sorriso si spegne, mentre pensa “e io, di cosa morirò?”.

Annunci

One thought on “Pesciolini

  1. capehorn aprile 20, 2015 / 17:25

    Vita agra … Nicola! Però c’é sempre la possibilità di morire non come un pesciolino. Anche scegliere la propria morte … Non é da tutti o per tutti.

Cosa ne pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...